Aspettando Natale…

Ignudi rami
imbiancati,
cinguetta un passerotto inerme…

Davanti al caminetto,
raggomitolata,
ad occhi aperti
sogno:
silenti
le
immagini
sfilano,
mentre la neve
ogni cosa imbianca…

@ Rosemary3

Autunno…

Incalza l’autunno, stagione melanconia e nostalgica, ed ella come ogni anno si appresta a far ritorno al solito tran tran.
Lungo l’annoiato viale, il vento spazza via le ultime foglie,
mentre le riaffiorano alla mente i ricordi, memorie naufragate nel correre dei sogni.

La terra, disperdendo le ultime follìe estive, dolcemente scivola verso l’autunnale oblìo,
bisbigliando un accorato incanto:

scende pian piano la pioggia, inondandole il viso…

***

Mormorano le foglie
nell’annoiato viale
mentre la natura si spegne…

@ Rosemary3

Un nuovo giorno…

Si insinua tra gli alberi
il sole:
filtra la luce
e
un timido raggio
ricordi
svela.

Su perfetti ricami,
un nuovo giorno
s’apre,
versando
ed ancor sussurrando
il primo alito…

@ Rosemary3

Settembre

Acrostico mesostico

L’e S tate porta via con sé

l E abbaglianti magìe

settembre soavemen T e avanza

con rosseggian T i manti

delicatam E nte avvolti

da poliedrici richia M i

e da un’e B brezza che ubriaca

la logo R a luce

E saltando

@ Rosemary3

Agosto

Al crepùscolo dell’est A te

con irra G ionevole

sci O ltezza

ed efferve S cente maestrìa

amle T iche lusinghe

aspergi messagger O di ambigue trame

@ Rosemary3

Eterno canto…

Dipinto che al cuore

parla,

lasciando

intatte le emozioni:

ti guardo, mare,

che lontano traghetti

pensieri

con tarlate parole.

Un eterno canto

che nel silenzio mattutino

si diffonde…

@ Rosemary3

Aprile

In un A ccorto

ed impalpabile P reludio

annaffiando gli animi R iempie

ed inebria I sensi

invadendo con do L ci tepori

in una sinfonìa di E mozioni

@ Rosemary3

Lago…

Danzi col vento

in un meriggio d’estate,

trastullandoti tra onde

che t’accarezzano

e inondando d’apatìa.

Arruffando gli animi

tra timidi risvegli

intrecci brame,

cesellando pàlpiti…

@ Rosemary3

Tra rocce e pietre…

Adagiata
su un letto di rocce e pietre
inerme
il suo destino
accoglie:
inevitabile feritoia
che alletta e allevia
un acuminato dolore.

È qui,
tra rocce e pietre,
che le sue incertezze
accoglie…

@ Rosemary3