Danza…

Eterno dialogo
di un vibrante corpo
che come onda
al sinuoso andar
s’increspa…

@ Rosemary3

Levàr del sole…

Si riflette sull’acqua
il sole appena alzatosi,
tingendo il cielo
di variegàti toni.
Dondolano le barche,
stempràndosi con l’azzurro
del mare.
La ginestra
sembra sfiorar il cielo,
come un cappello
intessuto di rughe..


@ Rosemary3

Auròra…

Nell’assopìto bosco
un nuovo giorno
si preannuncia
tra gli alberi
che, sbadigliando, una carezza
reclàmano.
Lasciandosi alle spalle
il grigiore notturno,
sorride al sol primaverile
la pineta,
mentre arrendevole
l’aurora avanza…

@ Rosemary3

Sera…

Sceso è il crepùscolo
nel silente meriggio,
appannando
l’apparente qiuete
in un ovattato
velo cromatico
che coi fiori
gioca.

Brilla
un lampione
e le stanche illusioni
sfiorano
l’agognata aurora.

Un barlume di speranza
illumina
il temuto vespro…

@ Rosemary3

Bentornata primavera…

 

Tornata è la rondine
e già le primule
i prati adornano,
donando colori alla vita.

Il dolce zèfiro
accarezza le gote,
muovendo le novelle fronde
che alla dolce brezza si concedono,
di serafiche promesse
l’animo
irrorando…

@ Rosemary3

Vèspro…

Corteggia il sole,
coi suoi riflessi d’oro,
il mare:
ad occàso, giochi di calde sfumature
incantano
l’ovattato velo cromatico
ed esitanti imbevono
la bocca di sospiri.
L’agonizzante giorno
si concede
alle sbiadite luci della sera…

@ Rosemary3

Donna…

Donna,
che nel cerchio della vita
i tuoi occhi brillar fai:
raffinato nèttare
le tue brame sùggono,
quando al calar del sole,
a un passo da un incantesimo,
spicchi un volo che
da ogni lato sembra voler rivivere
l’ebbrezza di lontani dì.

Tema assai caro a te,
a te che dell’amor hai pianto
e ancor una riga
trovi…

@ Rosemary3

Aspettando Natale…

Ignudi rami
imbiancati,
cinguetta un passerotto inerme…

Davanti al caminetto,
raggomitolata,
ad occhi aperti
sogno:
silenti
le immagini
sfilano,
mentre la neve
ogni cosa imbianca…

@ Rosemary3

Autunno…

Incalza l’autunno, stagione melanconia e nostalgica, ed ella come ogni anno si appresta a far ritorno al solito tran tran.
Lungo l’annoiato viale, il vento spazza via le ultime foglie,
mentre le riaffiorano alla mente i ricordi, memorie naufragate nel correre dei sogni.
La terra, disperdendo le ultime follìe estive, dolcemente scivola verso l’autunnale oblìo,
bisbigliando un accorato incanto:
scende pian piano la pioggia, inondandole il viso…

***

Mormorano le foglie
nell’annoiato viale
mentre la natura si spegne…

@ Rosemary3

Un nuovo giorno…

Si insinua tra gli alberi
il sole:
filtra la luce
e
un timido raggio
ricordi
svela.

Su perfetti ricami,
un nuovo giorno
s’apre,
versando
ed ancor sussurrando
il primo alito…

@ Rosemary3