Archivi

Alba…

0979db0e601276fc8

Ti aspettai invano
pregando il tuo ritorno
un silenzio permanente 
che maturò un laconico oblìo:
noncurante del dolore
e dell’insidiosa beffa
andai incontro all’alba
damascata di luci ed ombre e
modulàta di grigiore…

@ Rosemary3

33c4veq

Inverno…

906481paysage tiram 40 Intorno a me
innevate cime
e soffici coltri candide.

Blaterando
l’inverno avanza
e l’animo investe:
e
mozioni in fiocchi

lievemente scendono
e tappeti di candore
compongono,
calda bevanda
al gelo dell’anima.

Con ingenuità
quegli istanti magici
assaporo,
mentre la neve
continua a cadere…

@ Rosemary3

Un tèmpo…

canvasUn tèmpo veloci
scorrevano le dita
sulla tastiera a strisce,
or note stridule
avanzano,
ricoprendo la ferita
di rabbia e di dolore.

La tastiera è chiusa,
filtrando il grigiore
dell’attesa,
una risposta accorda
pian piano,
in un imbrigliar monotono…

@ Rosemary3

L’eco del richiamo…

Lipogràmma in “B” (*)

tD3TCtN

Adesso son qui
a rovistare
tra i diafani fantasmi del passàto
ed una quiete assordante
mi avvolge:
voci argentine
risuonano,
riportando
l’eco delle memorie…

@ Rosemary3

(*) Componimento letterario in cui, per artificio retorico, si omettono tutte le parole in cui compare una determinata lettera o sillaba.

Mormorano le foglie…

gEs8jjKMormorano le foglie
nell’annoiato viale;
avanza l’autunno
e il sole settembrino
ricama sulla pelle
malinconici origami.

Complice il tèmpo,
le memorie
si ammantano
di colore seppia
e i fiori man mano
scompaiono.

Ella lascia con inèdia il presente,
quasi con languore,
mèmore dei voluttuosi dì
fregiandosi di inattese tracce,
come se bramasse ancora il domani…

@ Rosemary3

Sera…

Sceso è il crepùscolo
nel silente meriggio,
appannando
l’apparente qiuete
in un ovattato
velo cromatico
che coi fiori
gioca.

Brilla
un lampione
e le stanche illusioni
sfiorano
l’agognata aurora.

Un barlume di speranza
illumina
il temuto vespro…

@ Rosemary3

Sbriciolati sogni…

Il tèmpo le frantumò
in sottili cristalli
i sogni,
che tinteggiati di attimi
e sospesi nel corteggiar di spettri,
si ancorarono all’oblìo
di un inanimato tramonto.

Un pullular di pensieri
che la mente confuse
in un turbine di affanni
e navigaron nell’ombra
alla ricerca di bevande di illusioni…

@ Rosemary3

Sfoglio il passàto…

Tutto,
il tèmpo spazza via…
Ricordi
che nell’oblìo
veleggiano
e
intatti
sopravvivono,
trascinando momenti vibranti
che all’àttimo
resistono…
Rincorro
a piedi scalzi il tèmpo
che par mi fugga
dalle sbiadite mani…

… È una curiosa creatura il passato…

@ Rosemary3

Incipit di Emily Dickinson “È una curiosa creatura il passàto…”