Archivi

Sfoglio il passàto…

Brano selezionato dal multiblog LaNostraCommedia

Tutto,
il tèmpo spazza via…
Ricordi
che nell’oblìo
veleggiano
e
intatti
sopravvivono,
trascinando momenti vibranti
che all’àttimo
resistono…
Rincorro
a piedi scalzi il tèmpo
che par mi fugga
dalle sbiadite mani…

È una curiosa creatura il passato…

@ Rosemary3

Incipit di Emily Dickinson “È una curiosa creatura il passàto…”

Al primo chiarore…

Al primo chiarore dell’alba
le ombre notturne
sbiadiscono…

I cirri l’orizzonte
incorniciano e leggeri
l’azzurro
solcano,
mentre il vento i sogni
dilegua,
confidando all’albero
i suoi segreti,
soffio gelido che la quiete mattutina
scompone,
sfiorando l’immensa coltre
come un cappello intessuto di rughe…

@ Rosemary3

Lento valzer…

Ricordi
tra preziosi scrigni
custoditi:
lento valzer
di silenti promesse
fra stonate coreografie,
accennato…

Intatta una ruga trèmola
tra palpitànti soffi di polvere
incipriata…

@ Rosemary3

Gocce di inchiostro…

Gocce d’inchiostro sulla tela
han dipinto la notte…
Le stelle e la luna
con riflessi madreperlati,
pennellando
il manto delle tenebre,
illuminano
i fantasmi dei ricordi
che
consegnano
le remote sembianze,
scolorendone le gelide fughe…
Esuli le ore
tramano sogni cristallizzati,
approdando
in suadenti ritocchi…

@ Rosemary3

Creatura eterea…

Adagiata su un giaciglio
di nuvole e sogni,
la tua immagine,
in un gioco di sinuosi riflessi,
si ripete
in eteree sincronìe…

Complice, la notte,
custodisce le levigate illusioni:
ne veglia e ne accarezza
il respiro…

Fruga inerte la luna,
divertendosi a piroettare
con le ombre,
figure diafane che intorno
volteggiano e,
come velate
da bizzarre coltri,
si confondono tra
insinuanti carezze…

© Rosemary3

@tutti i diritti sono riservati

Sul palmo della mia mano…

Sul palmo della mano
una piccola sfèra luminosa…

Scende la sera,
la luna si diverte a piroettare
la mia immagine
in un
gioco di riflessi argentei,
ripetendoli in movimenti sfumati:
eteree, sìncrone sinfonìe…

Gioca con le creature notturne:
diàfane figure,
tenui e fioche,
danzano davanti
a me…

© Rosemary3

@tutti i diritti sono riservati

La mia màschera…

La mia màschera
con frenesìa
indosso e,
quando tutto intorno è buio,
nascondo l’io che tanto
mi rapisce…

Allor,
sepolto ogni sentimento,
recito a soggetto
e scrosciànti plausi
accompagnan le mie gesta:
io mi inchino e continuo
a recitar a soggetto…

© Rosemary3

Il ticchettìo del silenzio…

Rompe il silenzio un ticchettìo
che alla soglia del cuore pàlpita,
inquietudini sgominàndo.
Varco al serafico vento dei ricordi celato,
mai ostentato al saccènte balsamo del respiro
che pùllula di sterili abbandoni.
Ecco riaprirsi
l’animo al richiamo di memorie,
sparse lungo filari di emozioni,
da illusorie crèpe
arginate.
Curva sotto il peso di rimpianti
ed immèmore di un passato indelebile,
serbo le spoglie rimembranze,
mutandone l’implacabile sequèstro…

© Rosemary3

Immagine in rete